Seleziona il tuo paese per visualizzare le informazioni corrette / Select your country to display the correct information
Italy
INFOLINE  800 40 11 11
logo
gravidanza
 

La vita che inizia, il tuo corpo


Tanti piccoli cambiamenti ti sorprenderanno nel corso dei nove mesi di gravidanza, in particolare nel primo trimestre il corpo si dovrà abituare alla sua nuova condizione e proverai sensazioni inconsuete.
  • Sensibilità
  • Il ritmo sonno-veglia
  • Nausea e stitichezza
  • Disturbi frequenti
  • Smettere di fumare

Sensibilità
È molto probabile che sin da subito ti daranno fastidio alcuni odori forti, come quello del caffé, i profumi molto intensi e il fumo delle sigarette. Già dopo 10-15 giorni dal ritardo mestruale, infatti, diventerai molto più sensibile a odori, suoni e gusti.


Il ritmo sonno-veglia
È possibile che tu venga colta da una continua sonnolenza durante le ore diurne. La sera, invece, ti accadrà frequentemente di prendere sonno facilmente, e poi svegliarti nel cuore della notte, rimanendo insonne.
La cosa migliore da fare è cercare di seguire i propri ritmi naturali organizzando le normali attività in base a questa esigenza. Se possibile, è importante fare un riposo durante l'arco della giornata e non rimanere inattivi durante la notte se non si riesce a prendere sonno.
Per limitare l'insonnia conduci una vita tranquilla e regolare, mangia frequentemente ma in modo leggero e soprattutto la sera consuma pietanze facili da digerire, possibilmente ricche di calcio e sali minerali. Tutti questi accorgimenti, assieme a frequenti passeggiate all'aria aperta, potranno contribuire a migliorare il tuo riposo.
Nel secondo trimestre questi disturbi del sonno migliorano sensibilmente, per poi probabilmente ritornare più avanti, negli ultimi mesi di gravidanza o durante l'allattamento.

Nausea e stitichezza
I disturbi più frequenti in questo primo periodo sono la nausea e il vomito, la salivazione abbondante, a volte associata a un'eccessiva sensibilità dei denti, bruciori e lievi dolori allo stomaco, spesso accompagnati da stitichezza.
Questi sintomi, assieme a mutamenti del gusto e dell'appetito, possono presentarsi già dalle prime settimane di gravidanza, ma frequentemente al terzo mese di gravidanza scompaiono. Il tuo corpo si sta semplicemente abituando a una nuova condizione e per questo reagisce: nausea, vomito e ipersalivazione sono causati principalmente dal rallentamento dell'attività dell'intestino e dello stomaco. Sono fenomeni fastidiosi, ma non preoccupanti, e solitamente non incidono sul tuo stato di salute generale.
Per alleviare i bruciori di stomaco, tieni sempre alimenti come crackers o biscotti secchi a portata di mano, ma anche banane e alimenti ricchi di magnesio; inoltre fai sempre attenzione a non bere liquidi a stomaco vuoto.
La stitichezza, altro disturbo frequente, dipende dal fatto che l'attività dell'intestino è rallentata, perché durante la gravidanza nel corpo circolano grandi quantità di progesterone. Un rimedio semplice e funzionale è adottare una dieta ricca di acqua, frutta, verdura e fibre che aiuti il transito intestinale.

Disturbi frequenti
Le contrazioni sono un fenomeno fisiologico che si presenta con diversa intensità nel corso di tutti i nove mesi di gravidanza. Anche nei primi mesi è possibile tu avverta delle sensazioni di peso al basso ventre e dei leggeri crampi molto simili a quelli che si accompagnano normalmente alle mestruazioni. Lo stesso vale per la frequente necessità di fare pipì, è del tutto normale a causa della pressione dell’utero, ingrossato, sulla vescica. Nel caso tu avverta dei bruciori, consulta il tuo medico, per evitare il propagarsi di fastidiose infezioni.
Anche le secrezioni vaginali sono più abbondanti durante tutto il periodo della gravidanza e in particolare nel primo trimestre. Si tratta di perdite clinicamente non rilevanti, dovute all’intensa attività degli estrogeni che stimolano le secrezioni del collo dell'utero e della vagina. Nel caso queste diventino persistenti, abbondanti e accompagnate da un insistente prurito devono essere segnalate al medico.
In qualsiasi momento dei nove mesi, inoltre, è molto comune avvertire dolori intercostali o lungo la colonna vertebrale: spesso sono dovuti a sforzi, attività fisica eccessiva o posizioni non corrette. La causa principale dei dolori in regione lombo-sacrale, invece, è l'eccessiva mobilità delle articolazioni ossee del bacino e della colonna vertebrale dovuta alle modificazioni indotte dagli ormoni gravidici e al tuo aumento di peso e volume. Nel caso tu soffra di questi disturbi in maniera intensa e prolungata informa il tuo medico: potrai così escludere con certezza la minaccia di aborto o di parto prematuro. Sforzati di mantenere sempre una postura corretta e pratica gli esercizi di ginnastica per rafforzare la muscolatura della colonna vertebrale, che possono aiutarti molto. È bene inoltre evitare di portare tacchi alti e stretti e dormi su materassi sufficientemente rigidi.

Smettere di fumare
Il primo trimestre di gravidanza è un periodo cruciale per lo sviluppo del tuo bambino: oltre a evitare accuratamente l'assunzione di alcool e di certi farmaci, è fondamentale che tu smetta di fumare, e che non ti esponga al fumo passivo.
Le fumatrici sono doppiamente a rischio di gravidanza extra-uterina rispetto alle gestanti che non fumano, ma non solo: se fumi in gravidanza, aumenti i rischi di parto prematuro e di mortalità prenatale; anche il rischio di un'improvvisa morte in culla del neonato raddoppia, se i genitori sono entrambi fumatori.
La gestazione è influenzata negativamente dal fumo durante tutta la sua evoluzione. Fumando sigarette, ma anche il sigaro o il tabacco da pipa, puoi accentuare i rischi di eventuali malformazioni, ma aumenti anche il numero di problemi che possono insorgere nel bambino con il tempo, relativi allo sviluppo psicomotorio e cognitivo.
L'appoggio terapeutico di un medico specialista può esserti utile se il vizio è radicato da tempo o se ti riesce troppo difficile rinunciarvi.

 

Page created on: 21/03/2011
Last modified on: 03/09/2012
 
 
 
I nostri consulenti rispondono senza impegno a qualsiasi domanda
Clicca qui per essere ricontattato
Inviaci i tuoi dati e sarai ricontattato al più presto dal tuo consulente di zona
Cliccando 'Invia' autorizzi Genico al trattamento dei tuoi dati